News

Cyrano de Bergerac non abita più qui.

Pubblicato il nella categoria News.

Nel 2013 non serve più spedire una lettera giorni prima, le emozioni sono affidate a flussi di comunicazione ben più immediati. Per San Valentino le parole dolci, i pensieri affettuosi, le poesie d’amore finiscono in rete e persino le rose e i cioccolatini diventano virtuali. Sembra importare poco che mai nessuno riuscirà a sentire il continua a leggere…

Italia, il paese che ha smesso di fare l’amore.

Pubblicato il nella categoria News.

E’ notizia di alcuni giorni fa che l’Italia è il quarto paese al mondo per il numero di click sul famoso sito pornografico Youporn e che Milano é la capitale mondiale di connessione. Come interpretare questo dato? Se ascoltiamo i dati della letteratura scientifica e la realtá clinica dei sesso-dipendenti scopriamo il dramma di fallimenti continua a leggere…

Rendimento a scuola ed utilizzo di Internet: Risultati di un’indagine su 2.396 studenti italiani delle scuole superiori

Pubblicato il nella categoria Epidemiologia, News, Ricerca.

Giovannelli P.A., Boroni C., Scanu M., Denti E. ESC Team-Centro di Diagnosi e Cura delle Dipendenze da Internet, Milano. Sintesi: Più della metà degli adolescenti italiani si connette per un tempo ed una frequenza molto elevata, tuttavia l’intensità della connessine on-line non è indicativa di rischio di perderdere l’anno scolastico. Le attività che l’adolescente svolge continua a leggere…

Depressione, declino cognitivo e abuso di Internet sopra i 65 anni

Pubblicato il nella categoria Diagnosi e terapia, News.

Sulla base dell’osservazione clinica dell’ ESC Team e di alcuni studi scientifici, possiamo identificare i comportamenti di abuso di Internet come possibili indicatori di depressione. Recenti studi  (come ad esempio: http://www.lescienze.it/news/2012/08/20/news/internet_salute_mentale-1212606/) mostrano infatti come schemi di utilizzo di Internet siano correlati a tendenze depressive e dunque in grado di predire una maggiore propensione alla depressione: l’eccessiva condivisione di continua a leggere…